30 ott 2010

0

Rifiuti indifferenziati a Taverna del Re

Taverna del Re doveva essere un sito destinato al deposito di “Eco-balle” dove “Eco” stava a significare che si trattava della parte secca dei rifiuti, quindi precedentemente differenziati e pronti per essere bruciati nell'inceneritore di Acerra. Invece ora cos'è? Ora Taverna del Re dopo tante balle è diventata palesemente una discarica di “Tal quale” così vengono chiamati i rifiuti non differenziati, comprendenti sia la parte umida che quella secca.
Oggi, 30 settembre, circa 100 camion hanno scaricato su una delle piattaforme sopra terra di Taverna del Re, monnezza nemmeno imballata e compattata.
E così, mentre a Terzigno la popolazione è scesa in strada con mamme e bambini per difendere il proprio territorio e la propria salute per l'ennesima volta chi ci rimette sono i pacati Casertani. Quelli che non hanno la stessa capacità di reazione dei vesuviani, quelli che stanchi degli infiniti scempi ambientali, politici, mafiosi e sociali non riescono più a trovare le forze per reagire.
Berlusconi vuole la guerra tra cittadini. Cerca di mettere contro napoletani e casertani per spostare l'attenzione dai colpevoli veri della decennale emergenza rifiuti alla guerra tra province.
Il triangolo compreso tra Giugliano, Villa Literno e Parete è oramai compromesso. Insistono sulla stessa area decine di discariche tra abusive e ufficiali. Riaprono Taverna del Re e vogliono anche farci un inceneritore. Ci dicano solo se vogliono anche sgomberare i paesi circostanti. Oppure abbiamo il coraggio di dirci che dobbiamo accettare di morire di cancro senza ribellarci. In queste zone non si muore più di vecchiaia da decenni. Non c'è famiglia che non abbia dovuto piangere almeno un morto per cancro.
Bertolaso viene in Campania e promette di ripulire le strade in dieci giorni. Con questi metodi anche io sarei capace di rinnovare la classe politica Italiana. Se il metodo è l'omicidio necessario e volontario fuori dal rispetto delle leggi tutti ne sarebbero capaci.
Cittadini, associazioni, sindaci, consiglieri provinciali e regionali e deputati sono chiamati alla difesa della nostra provincia. Non possiamo continuare ad assistere passivamente ad un omicidio di massa.
Il centro sinistra casertano si è schierato per intero contro la riapertura di taverna del Re.
Il presidente Zinzi è scomparso senza pronunciarsi su quest'ennesimo scempio ai danni della provincia che dovrebbe rappresentare. I consiglieri regionali Casertani della maggioranza Caldoro evitano di parlare e si nascondono dietro l'emergenza.
I cittadini Casertani devono sapere i loro rappresentanti da che parte stanno!!!

Sinistra Ecologia Libertà - Caserta

Clicca qui per leggere il resto dell'articolo
Stampa il post
0

Rifiuti indifferenziati a “Taverna del re” a Giugliano. Il WWF: è schizofrenia generale !!!

Fonte: Comunicato stampa di Alessandro Gatto - Presidente WWF Campania
Il WWF è assolutamente contrario allo sversamento di rifiuti indiferrenziati presso il sito delle balle (le cosiddette ecoballe che di eco non hanno proprio niente) di “Taverna del Re” a Giugliano (NA), ai confini con il territorio del comune di Villa literno (CE), addirittura senza un minimo di protezione e di coibentazione e senza nemmeno il processo di “imbustamento” tipico della formazione delle balle. Siamo alla schizofrenia generale più assoluta – dichiara Alessandro Gatto, Presidente del WWF Campania.Un folto gruppo di attivisti del WWF, guidati da Stefano Franciosi (Presidente del WWF di Giugliano-Lago Patria) sono sul posto da stamattina e si appresteranno a trascorrere la notte per evitare altri soprusi ed altre idiozie della gestione ormai folle dei rifiuti in tutta la Regione Campania.
Il WWF ribadisce: basta con le discariche di rifiuti indifferenziati in tutta la Campania!!! Ce lo impone l’Unione Europea !!! Basta con le soluzioni: non soluzioni !!!
Purtroppo – commenta amaramente Alessandro Gatto – le Istituzioni continuano a non ascoltare le proposte del WWF. Sono troppi decenni che in Campania si fa uso delle discariche di rifiuti indifferenziati per provare a prolungare la vita politica di questo o quell’amministratore di qualche breve periodo. Poi le discariche si colmano, ed anche in fretta e ritorna “d’improvviso” l’emergenza. Ma nulla viene all’improvviso in questo caso!!!
Se gli Amministratori pubblici continuano a “nascondere la polvere sotto il tappeto”, cioè in discarica, poi dovranno fare i conti con le esigenze della popolazione e del territorio che gli si rivolta contro. E’ ovvio !!!
Sono circa trent’anni, invece, che continuiamo a ripetere la nostra ricetta, basata su:

RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI (attraverso un piano strategico).
RACCOLTE DIFFERENZIATE SPINTE RIVOLTE AL RICICLAGGIO DELLA MATERIA. (con il sistema della raccolta “porta a porta”).
COMPOSTAGGIO/BIOFERMENTAZIONE DEI RIFIUTI “ORGANICI” (costruire rapidamente tutti gli impianti per il trattamento dei rifiuti organici, cioè la frazione cosiddetta umida).
TRATTAMENTO DELLE FRAZIONI RESIDUALI A FREDDO, CON METODI ALTERNATIVI AGLI INCENERITORI/GASSIFICATORI. (ad es. trattamento meccanico biologico e impiantistica simile, in ogni caso che lavori senza bruciare o gassificare nulla).
Ma, molto probabilmente, continuare su questa strada perversa serve a qualcuno che continua a lucrare sull’”affare mondezza” della Campania e chi ne paga le conseguenze siamo sempre noi cittadini e l’ambiente.



Clicca qui per leggere il resto dell'articolo
Stampa il post
0

Il WWF aderisce alla manifestazione a Terzigno contro la discarica nel parco nazionale del Vesuvio

Fonte: Comunicato stampa di Alessandro Gatto - Presidente WWF Campania
Il WWF, aderisce alla manifestazione programmata per il giorno 30 ottobre 2010 (partenza ore 17,00) a Terzigno (Na) per dire un forte NO alla discarica che si vorrebbe realizzare nel cuore di una delle più importanti aree protette d’Italia: il Parco Nazionale del Vesuvio.
Il WWF ribadisce il NO chiaro e netto – dichiara Alessandro Gatto, Presidente del WWF Campania - a questo modo di affrontare il problema dei rifiuti in Campania. Il NO a tutte le discariche dei rifiuti tal quali (cioè indifferenziati) che si vorrebbero ancora realizzare in tutto il meraviglioso territorio della Regione Campania.

I SI del WWF sono, invece:

SI ad un piano strategico regionale per la riduzione dei rifiuti a monte: RICICLARE E’ BENE, RIDURRE E’ MEGLIO !!!

SI allo sviluppo ed alla massima implementazione della raccolta differenziata finalizzata esclusivamente al riciclaggio della materia.

SI agli impianti (compostatori, biofermentatori o misti) per il trattamento e la trasformazione dei rifiuti biodegradabili (la frazione umida o cosiddetto organico) in fertilizzante o ammendante utile per l’agricoltura o per l’ingegneria naturalistica.

SI al trattamento "a freddo" della minima frazione residuale dal processo suddescritto dei rifiuti, evitando ogni forma di incenerimento/gassificazione.

Un altro piano per risolvere l’annoso problema dei rifiuti in Campania è possibile, basta che gli Amministratori regionali, provinciali e comunali cambino radicalmente l’iter seguito fino ad oggi.

Non si può pensare più di andare avanti pensando di sotterrare i nostri scarti o peggio di bruciarli.

Clicca qui per leggere il resto dell'articolo
Stampa il post

26 ott 2010

2

Congresso SEL: un aversano fra i dirigenti nazionali

Con l’elezione di Nichi Vendola a presidente del partito, in un’atmosfera festosa e carica di emozione, si è concluso il primo congresso nazionale di Sinistra Ecologia e Libertà, tenutosi a Firenze dal 22 al 24 di ottobre.
Dalla tre giorni nel capoluogo toscano la città di Aversa e l’intero agro aversano, già ben rappresentati nella platea congressuale da una nutrita delegazione, ottengono un importante quanto meritato riconoscimento. Nell’Assemblea Nazionale di SEL, il “parlamentino” del nuovo partito del leader Vendola e massimo organo politico nazionale, siederà infatti anche Gabriele Vedova, 31 anni, aversano, dottore in scienze della comunicazione, esponente della sinistra aversana e tra i primi ad aderire al neo movimento di Vendola.
“Mi impegnerò nel ruolo che mi è stato affidato in sinistra ecologia e libertà, cercando di essere all’altezza del compito. E’ evidentemente un riconoscimento importante, non certo alla mia persona quanto ad un territorio che merita di essere rappresentato, con i suoi problemi e la sua bellezza, in ogni contesto che conta, e SEL è sicuramente uno di questi.” Così l’esponente Vendoliano, che continua: “Credo che Vendola sia, nel panorama politico attuale, l’unica vera novità di rilievo, l’unica speranza che resta a chi crede ancora che sia possibile rimettere in piedi il nostro splendido Paese e ridare valore e dignità alla parola Politica, a chi crede che far politica possa ancora significare aver cura della bellezza. Quando si è cominciato a discutere di dar vita a SEL eravamo davvero in pochi a crederci, eravamo una “immensa velleità”. Ora i sondaggi e l’entusiasmo che registriamo attorno a noi sembrano darci ragione. Ma non dobbiamo fermarci. Come ha giustamente detto Nichi nella sua relazione “il partito non è un feticcio da contemplare, non è il luogo che ci si dà per far sopravvivere il ceto politico. E’ solo uno strumento”. Dobbiamo invece “riaprire la partita”: la vera sfida sono le primarie che da qui a qualche mese dovremo affrontare, per trasformare il sogno in reale opportunità di governo, di cambiamento”.

Clicca qui per leggere il resto dell'articolo
Stampa il post
0

Il popolo vesuviano è’ un popolo con la “P” maiuscola!!

Fonte: Comunicato stampa di Alessandro Gatto - Presidente WWF Campania
IL WWF SARA’ SEMPRE A FIANCO DELLA LOTTA PACIFICA E NON VIOLENTA DEL POPOLO VESUVIANO !!!

NO ALLA DISCARICA NEL PARCO NAZIONALE DEL VESUVIO !!! Il WWF è e sarà sempre a fianco del popolo vesuviano che ha maturato la consapevolezza collettiva del grande imbroglio dei rifiuti in Campania. HANNO RAGGIUNTO UN GRADO DI CONOSCENZA APPROFONDITA DEL PROBLEMA E NON E’ UNA SEMPLICE PROTESTA DI TIPO SINDROME NIMBY (NON NEL MIO GIARDINO) !!!

Basta con le discariche di rifiuti indifferenziati in tutta la Campania!!! Ce lo impone l’Unione Europea !!!

Purtroppo – commenta amaramente Alessandro Gatto – le Istituzioni continuano a non ascoltare le proposte del WWF. Sono troppi decenni che in Campania si fa uso delle discariche di rifiuti indifferenziati per provare a prolungare la vita politica di questo o quell’amministratore di qualche breve periodo. Poi le discariche si colmano, ed anche in fretta e ritorna “d’improvviso” l’emergenza. Ma nulla viene all’improvviso in questo caso!!!

Se gli Amministratori pubblici continuano a “nascondere la polvere sotto il tappeto”, cioè in discarica, poi dovranno fare i conti con le esigenze della popolazione e del territorio che gli si rivolta contro. E’ ovvio !!!

Sono circa trent’anni, invece, che continuiamo a ripetere la nostra ricetta, basata su:

RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI (attraverso un piano strategico).
RACCOLTE DIFFERENZIATE SPINTE RIVOLTE AL RICICLAGGIO DELLA MATERIA. (con il sistema della raccolta “porta a porta”).
COMPOSTAGGIO/BIOFERMENTAZIONE DEI RIFIUTI “ORGANICI” (costruire rapidamente tutti gli impianti per il trattamento dei rifiuti organici, cioè la frazione cosiddetta umida).
TRATTAMENTO DELLE FRAZIONI RESIDUALI A FREDDO, CON METODI ALTERNATIVI AGLI INCENERITORI/GASSIFICATORI. (ad es. trattamento meccanico biologico e impiantistica simile, in ogni caso che lavori senza bruciare o gassificare nulla).

Ma, molto probabilmente, continuare su questa strada perversa serve a qualcuno che continua a lucrare sull’”affare mondezza” della Campania e chi ne paga le conseguenze siamo sempre noi cittadini e l’ambiente.

Clicca qui per leggere il resto dell'articolo
Stampa il post

18 ott 2010

0

WWF Campania: BiodiversaMente, Il primo Festival dell’Ecoscienza

23 e 24 ottobre 2010

Vieni a conoscere gli abitanti del mare Mediterraneo

In occasione dell’evento Biodiversa-mente organizzato dal WWF Italia e dall’Associazione Nazionale Musei Scientifici, tra le tante iniziative attivate in Campania, il WWF Campania e la SZN Anton Dohrn vi offrono un viaggio alla scoperta del valore e della bellezza degli abitanti del mare Mediterraneo


Sabato 23 dalle ore 9.30 alle ore 12.30 (previsti tre turni con partenza ogni ora) visite guidate gratuite all’acquario di Napoli ;


Domenica 24 dalle ore 9.30 alle ore 12.30 (previsti tre turni con partenza ogni ora) visite guidate gratuite al Turtle Point di Coroglio dove i visitatori potranno ammirare da vicino gli esemplari di tartarughe marine ospitate e curate presso il centro. Prevista una breve lezione introduttiva sul tema della bodiversità marina a cura della dottoressa Flegra Bentivegna responsabile della struttura e del dott. Alessandro Gatto Presidente del WWF Campania.
Per entrambi i giorni è consigliata la prenotazione chiamando il numero 081-5607000 o scrivendo a campania@wwf.it.

Per ulteriori informazioni sugli altri eventi promossi consultare il sito www.wwf.it/campania

Clicca qui per leggere il resto dell'articolo
Stampa il post

14 ott 2010

0

La discarica sul Vesuvio è inquinante ???

Font: Comunicato stampa di Alessandro Gatto - Presidente WWF Campania


Per il WWF è un fatto gravissimo se dovessero essere confermate le analisi
Recenti analisi hanno messo in evidenza un fortissimo inquinamento ambientale che rileverebbe uno stato di compromissione ambientale delle falde acquifere, evidentemente generato dalla discarica rifiuti SARI.
Questo è un fatto gravissimo – dichiara Alessandro Gatto, Presidente del WWF Campania - , perché se si dimostrasse il nesso causale della vicinanza della discarica, in pieno Parco Nazionale del Vesuvio, all’inquinamento ritrovato si confermerebbero in pieno tutte le nostre preoccupazioni che ci hanno portato fin da subito ad opporci all’apertura di quella discarica incriminata ed all’ipotesi di aprirne una nuova sul Vesuvio.
Purtroppo – commenta amaramente Alessandro Gatto – le Istituzioni continuano a non ascoltare le tante voci delle associazioni, dei comitati e di tutti coloro, che civilmente e pacificamente vogliono provare a dare un contributo scientifico e culturale per la risoluzione reale e definitiva del problema rifiuti in Campania. Sono circa trent’anni che continuiamo a ripetere la nostra ricetta, basata su:
RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI (attraverso un piano strategico).
RACCOLTE DIFFERENZIATE RIVOLTE AL RICICLAGGIO DELLA MATERIA.
COMPOSTAGGIO/BIOFERMENTAZIONE DEI RIFIUTI “ORGANICI” (BIODEGRADABILI).
TRATTAMENTO DELLE FRAZIONI RESIDUALI A FREDDO, CON METODI ALTERNATIVI AGLI INCENERITORI/GASSIFICATORI


Ma, molto probabilmente, continuare su questa strada perversa serve a qualcuno che continua a lucrare sull’”affare mondezza” della Campania e chi ne paga le conseguenze siamo sempre noi cittadini.

Clicca qui per leggere il resto dell'articolo
Stampa il post

12 ott 2010

0
Il 15 ottobre 2010 alle ore 16.30 ed il 17 ottobre dalle ore 9.00 alle ore 21.00 all'Hotel Jolly di Caserta in Via Vittorio Veneto 13, nelle immediate vicinanze della stazione ferroviaria, si terrà il 1° congresso provinciale di Sinistra Ecologia Libertà, che precede il Congresso Nazionale convocato a Firenze dal 22 al 24 ottobre e che sancirà la nascita ufficiale del nuovo soggetto politico guidato da Nichi Vendola.
I lavori si articoleranno come di seguito:


15 ottobre
• Ore 16.30 Apertura dei lavori;
  • Relazione del coordinatore provinciale uscente;
  • Apertura dibattito con gli interventi dei rappresentanti delle associazioni, dei sindacati, dei movimenti e dei partiti invitati;
  • Chiusura dei lavori  
17 Ottobre
• Ore 09.00 Riapertura dei lavori
• Ore 09.30 Interventi degli iscritti e/o simpatizzanti di SeL;
• Ore 13.15 Sospensione dei lavori per la pausa del pranzo;
• Ore 14.30 Riapertura dei lavori con conclusione interventi;
• Ore 15.30
  • Avvio lavori Gruppi di proposta (politica ed elettorale) per stesura eventuali emendamenti al Documento congressuale nazionale e/o eventuali o.d.g. locali nonché per la definizione delle liste per l’elezione dei componenti degli organismi provinciali;
• Ore 17.00 Intervento conclusivo del rappresentante del Consiglio Nazionale di SeL; 
  • Voto del Documento Nazionale e di eventuali emendamenti;
  • Voto di eventuali o.d.g. locali
  • Elezione delegati al Congresso Nazionale
  • Elezione del coordinamento provinciale, del collegio dei garanti provinciale.
• Ore 21.00 Chiusura lavori
Clicca qui per leggere il resto dell'articolo
Stampa il post

09 ott 2010

0

SEL Aversa: eletti gli organismi. Vedova delegato nazionale al primo congresso di Firenze.

Fervono i preparativi per il primo Congresso Nazionale di Sinistra Ecologia e Liberta’, Il nuovo partito che fa capo al leader nazionale e Governatore della Puglia NICHI VENDOLA, in programma a Firenze dal 22 al 24 di Ottobre. “RIAPRIRE LA PARTITA”, questo lo slogan che i Vendoliani si sono dati per un congresso che definiscono FONDATIVO, come si legge su siti e blog del movimento, che darà avvio ad un partito nuovo, nei contenuti e nelle forme, un partito che aspira a semplificare il quadro troppo frastagliato della sinistra e a rinnovarla. La città di Aversa, secondo centro più popoloso della Provincia di Caserta, al congresso nel capoluogo toscano, sarà rappresentata da Gabriele Vedova, già precedentemente impegnato nella sinistra locale e provinciale e tra i primi ad aderire al movimento di Vendola: “Esperienze e storie politiche diverse hanno deciso di convergere per dar vita a qualcosa di nuovo, che aiuti a recuperare la fiducia nel politica, ormai snobbata dalle nuove generazioni perché troppo diversa e lontana. Un segnale di disgelo e di unità insomma, che dal meridione, dalla Puglia e dal suo governatore Nichi Vendola, dove già tante esperienze provano a mettersi in rete (una fra tutte le “fabbriche di Nichi”), prova così a ramificarsi su tutto il territorio nazionale, con sondaggi di opinione che sarebbe ingeneroso definire solo lusinghieri. Anche nella nostra città i segnali che arrivano sono incoraggianti: oltre 50 nuove iscrizioni a SEL ci incoraggiano a proseguire in un percorso ambizioso come la nascita di un nuovo soggetto politico. Ma è solo un punto di partenza, come più volte rimarcato da Vendola, la messa a disposizione di tante energie e risorse umane con l’obbiettivo comune di ritornare entusiasmarsi per un progetto collettivo che unifichi, al più presto, tutto ciò che non si riconosce e non si rassegna al Berlusconismo, ormai al declino, e ai tanti disastri che in poco più di 15 anni ha causato al nostro Paese.”
Confermati ed ufficializzati anche gli incarichi organizzativi interni che il circolo aversano ha deciso di adottare: Nicola Golia – coordinatore cittadino, Pasquale Pandolfi – responsabile comunicazione, Giovanni Malomo – responsabile scuola, Francesco Chioccola – responsabile ambiente, Grazia della Volpe – responsabile organizzazione, Giovanni della Volpe – responsabile problematiche giovanili, Gabriele Vedova – responsabile tesseramento, Luigi Grassia – problematiche del lavoro, Mario Francese – politiche sociali, diritti e laicità.
Questi i riferimenti on line:
posta elettronica: selaversa@gmail.com ;
web http://www.avversa.blogspot.com/

Clicca qui per leggere il resto dell'articolo
Stampa il post

05 ott 2010

0

Il WWF contro l'ipotesi di ampliamento della discarica nel parco nazionale del Vesuvio e di qualsiasi altra discarica per i rifiuti indifferenziati

Fonte: Comunicato Stampa di Alessandro Gatto - Presidente Regionale WWF
Alla luce delle ultime dichiarazioni, apprese dai mezzi di comunicazione, dei politici locali e nazionali ancora poco chiare e definite sull’ampliamento della discarica nel Parco Nazionale del Vesuvio o in altro sito della Regione, il WWF ribadisce un forte e chiaro dissenso all’ampliamento della discarica nel cuore di una delle più importanti aree protette d’Italia: il Parco Nazionale del Vesuvio.
Il WWF si esprime ancora negativamente – dichiara Alessandro Gatto, Presidente del WWF Campania - verso questo modo di affrontare il problema dei rifiuti in Campania. Il NO a tutte le discariche dei rifiuti tal quali (cioè indifferenziati) che si vorrebbero ancora realizzare in tutto il meraviglioso territorio della Regione Campania. E’ assurdo che dopo decenni e decenni di smaltimento dei rifiuti in Campania, esclusivamente con l’apertura di discariche, ancora oggi si deve ricorrere “D’URGENZA” all’apertura di nuove discariche o di ampliamento delle preesistenti.
Il WWF è, invece per le seguenti azioni prioritarie:
• Attuazione di un piano strategico regionale per la riduzione della produzione dei rifiuti a monte: PERCHE’ RICICLARE E’ BENE, RIDURRE E’ MEGLIO !!!
• Sviluppo e massima implementazione della raccolta differenziata finalizzata esclusivamente al riciclaggio della materia.
• Realizzare gli impianti (compostatori, biofermentatori o misti) per il trattamento e la trasformazione dei rifiuti biodegradabili (la frazione umida o cosiddetto organico) in fertilizzante o ammendante utile per l’agricoltura o per l’ingegneria naturalistica.
• Infine predisposizione di impianti per il trattamento “a freddo” della minima frazione residuale dal processo suddescritto dei rifiuti, evitando ogni forma di incenerimento/gassificazione.
Un altro piano per risolvere l’annoso problema dei rifiuti in Campania è possibile, basta che gli Amministratori regionali, provinciali e comunali cambino radicalmente l’iter seguito fino ad oggi.
Non si può più andare avanti pensando di sotterrare i nostri scarti o peggio di bruciarli, poiché in Natura nulla si crea e nulla si distrugge, tutto si trasforma (di stato chimico-fisico) !!!

Clicca qui per leggere il resto dell'articolo
Stampa il post

03 ott 2010

0

Quando partirà la raccolta differenziata “Porta a Porta” ad Aversa???

Fonte: Comunicato stampa di Alessandro Gatto - Presidente Regione Campania WWF
CHIEDIAMO AL SINDACO DI COMUNICARE AI CITTADINI IL GIORNO PRECISO !!!
Quando partirà la raccolta differenziata, con il metodo del “porta a porta” e/o di prossimità ad Aversa ??? Quanto tempo ancora dovranno aspettare gli aversani affinché inizi questo modello di civiltà applicato alla raccolta dei rifiuti ??? VORREMO CONOSCERE PROPRIO IL GIORNO PRECISO, visto che era stato promesso che, prima, nel mese di marzo 2010 e poi i primi di settembre 2010, sarebbe partito il servizio su tutta la città con la nuova ditta denominata “Senesi”. Rivolgiamo questa semplice domanda al Signor Sindaco di Aversa ed alla Sua Amministrazione comunale, non tanto in chiave polemica o critica, ma semplicemente per sapere con chiarezza quando entrerà in vigore il progetto voluto dall’attuale Amministrazione comunale di cui si è tanto parlato attraverso i mezzi di comunicazione. Anche per offrire un supporto tecnico gratuito per ottimizzare il servizio. Considerato che a noi interessa solo che decolli correttamente la raccolta e nient’altro.

Siamo convinti, noi del WWF, che gli aversani sono più che pronti ad iniziare questo scatto di civiltà. Più passa il tempo, però, e più la popolazione, ovviamente, si stancherà della promessa di raccolta differenziata porta a porta, perché il sistema ideale è conferire i rifiuti separati nei pressi della propria abitazione, così come sta funzionando in tante altre città della Campania, anche più grandi e complicate di Aversa. Inoltre è indispensabile che si attui la politica premiante per chi meglio fa la raccolta differenziata. Ci sono vari sistemi per poter premiare i cittadini e le famiglie che si comportano bene: soprattutto riducendo l’enorme tassa sui rifiuti che vediamo aumentare di anno in anno sempre più. Quella che oggi è una tassa imposta senza tener presente della tipologia di famiglia e dei sistemi di riduzione a monte dei rifiuti e della raccolta differenziata che si applica in quel nucleo familiare, deve diventare una TARIFFA (oggi questa competenza è affidata alle province, in ogni caso è indispensabile avviare una “pressione politica” adeguata per ottenere il metodo di tariffazione più moderno e democratico), che si calcola in base ad una serie di fattori scientificamente misurabili, senza furbizie ovviamente. Ben vengano anche la creazione di vere e proprie ISOLE ECOLOGICHE ad Aversa perché se ne ha davvero bisogno. Anche su queste isole gradiremmo conoscere i tempi di realizzazione. Le risposte a queste domande devono essere fornite pubblicamente dall’Amministrazione, affinché tutti gli aversani possano apprendere con chiarezza.

Per esempio si potrebbe organizzare un incontro pubblico, una giornata di divulgazione sulla raccolta differenziata o altro/i evento/i del genere.

Stiamo ancora aspettando, Signor Sindaco, e potremo esaltare il Suo operato solo quando vedremo concretamente i fatti. Al momento ci sono solo buone intenzioni.

Clicca qui per leggere il resto dell'articolo
Stampa il post

01 ott 2010

0

Il WWF alla manifestazione a Terzigno contro la discarica nel parco nazionale del Vesuvio

Fonte: Comunicato stampa di Alessandro Gatto - Presidente Regione Campania WWF
Il WWF, aderisce alla manifestazione programmata per il giorno 1 ottobre 2010 alle ore 19,00 a Terzigno (Na) per dire un forte NO alla discarica che si vorrebbe realizzare nel cuore di una delle più importanti aree protette d’Italia: il Parco Nazionale del Vesuvio.
Il WWF ribadisce il NO chiaro e netto – dichiara Alessandro Gatto, Presidente del WWF Campania - a questo modo di affrontare il problema dei rifiuti in Campania. Il NO a tutte le discariche dei rifiuti tal quali (cioè indifferenziati) che si vorrebbero ancora realizzare in tutto il meraviglioso territorio della Regione Campania.
I SI del WWF sono, invece:
• SI ad un piano strategico regionale per la riduzione dei rifiuti a monte: RICICLARE E’ BENE, RIDURRE E’ MEGLIO !!!
• SI allo sviluppo ed alla massima implementazione della raccolta differenziata finalizzata esclusivamente al riciclaggio della materia.
• SI agli impianti (compostatori, biofermentatori o misti) per il trattamento e la trasformazione dei rifiuti biodegradabili (la frazione umida o cosiddetto organico) in fertilizzante o ammendante utile per l’agricoltura o per l’ingegneria naturalistica.
• SI al trattamento “a freddo” della minima frazione residuale dal processo suddescritto dei rifiuti, evitando ogni forma di incenerimento/gassificazione.
Un altro piano per risolvere l’annoso problema dei rifiuti in Campania è possibile, basta che gli Amministratori regionali, provinciali e comunali cambino radicalmente l’iter seguito fino ad oggi.
Non si può pensare più di andare avanti pensando di sotterrare i nostri scarti o peggio di bruciarli.

Clicca qui per leggere il resto dell'articolo
Stampa il post
Questo blog è un aggregatore di notizie e non rappresenta unatestata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.ro 62 del 7/03/2001. Le notizie e le immagini inserite nel blog sono tratte anche da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarcelo e saranno subito rimosse. A chiunque è concesso lasciare commenti ai post, anche quelli in forma anonima. Il gestore del blog non potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di "terzi".